MENU
Proroga del 770
Property Management Italia | Condominium Administration Company | Property Consultants Italy

Proroga del 770

È stata allungata fino al 10 dicembre la proroga del termine di presentazione del modello 770/2020, per le ritenute operate dai sostituti di imposta nell’anno fiscale 2019. Il testo del decreto Ristori pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 ottobre 2020 ha ampliato la finestra temporale per l’invio del modello 770. Inizialmente, si parlava di una proroga dal 31 ottobre al 30 novembre. Il rinvio definitivo è invece al 10 dicembre 2020, probabilmente per evitare che la scadenza per i sostituti d’imposta coincida con quella della dichiarazione dei redditi delle partite Iva.

Posticipata dunque la scadenza per l’invio all’Agenzia delle entrate del modello che ha la funzione di attestare le ritenute fiscali operate dai sostituti d’imposta e i relativi versamenti nel corso dell’anno d’imposta 2019. La norma, all’art. 10 del decreto Ristori, prevede che “Il termine per la presentazione della dichiarazione dei sostituti di imposta di cui all’art. 4, comma 1, del Decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, relativa all’anno di imposta 2019, è prorogato al 10 dicembre 2020″.
Con grande sorpresa, quindi, il termine viene prorogato oltre quanto era scritto nelle bozze del provvedimento, che inizialmente riportavano una proroga al 30 novembre 2020. Lo slittamento della scadenza era stato chiesto dall’Ordine dei consulenti del lavoro direttamente al viceministro all’Economia, Antonio Misiani.

Il modello 770/2020 non presenta molte novità rispetto a quello relativo all’esercizio fiscale 2018. Principalmente vi è l’obbligo per i contribuenti che hanno corrisposto nel 2019 utili e proventi equiparati, compensi ad associati in partecipazione con apporto di capitale o misto, di compilare il quadro SI del modello 770/2020 e, a seconda, anche il quadro SK o il quadro ST. Nel modello devono comparire le corresponsioni effettuate concretamente, non quelle solo deliberate. Nulla cambia per il regime di tassazione previsto.

Info
Print

Amministrazioni Regionali