MENU
Circolare su decreto “liquidità”
Property Management Italia | Condominium Administration Company | Property Consultants Italy

Circolare su decreto “liquidità”

Buongiorno,

alla luce del Decreto “liquidità” pubblicato ieri, di nuovo sotto scadenza, oltre che  all’approssimarsi della Pasqua, evidenzio per ora alcuni spunti di interesse che riguardano la gran parte dei clienti:

 

a)      Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso al 9 aprile 2020 (2019, per i soggetti “solari”), è prevista la sospensione dei versamenti nei mesi di aprile e maggio 2020 relativi:

- alle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, di cui agli artt. 23 e 24 del DPR 600/73, e alle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale;
- all’IVA.

- ai contributi previdenziali, assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatorie (Inail)

 

La sospensione dei suddetti versamenti:
- nel mese di aprile 2020, si applica a condizione che tali soggetti abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% nel mese di marzo 2020 rispetto allo stesso mese del 2019;
- nel mese di maggio 2020, si applica a condizione che tali soggetti abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% nel mese di aprile 2020 rispetto allo stesso mese del 2019.

 

b)      I versamenti sospesi dovranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi:
- in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020;
- oppure mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo, a decorrere dal mese di giugno 2020.

c)      Per i soggetti che operano nei settori maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria (es. turismo, ristorazione, attività sportive e culturali, intrattenimento, assistenza, trasporti, ecc.), resta ferma la sospensione, ai sensi degli artt. 8 del DL 9/2020 e 61 del DL 18/2020:
- dei versamenti delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi INAIL, dal 2 marzo al 30 aprile 2020;
- indipendentemente dall’ammontare dei ricavi o compensi del 2019 e dalla misura della riduzione del fatturato o dei corrispettivi nei mesi di marzo e aprile 2020.

d)     Tutti i professionisti che hanno già presentato la domanda per ottenere l’indennità di 600 euro prevista dal decreto “Cura Italia” dovranno integrare la richiesta, sottoscrivendo un’autocertificazione in cui dichiarano di essere iscritti in via esclusiva alla Cassa di previdenza alla quale hanno inoltrato la domanda e di non versare contributi ad altri istituti di previdenza.

 

e)      Il Credito d’imposta del 60% per le locazioni dei negozi C1 è imponibile fiscale e quindi dovrà essere tassato. Novità del decreto legge

 

f)       Per quanto riguarda l’erogazione di finanziamenti sino all’importo massimo di 25.000 euro il Decreto liquidità prevede che:

  • Le imprese con meno di 5mila dipendenti in Italia e un fatturato inferiore a 1,5 miliardi di euro ottengono una copertura pari al 90% dell’importo del finanziamento richiesto e per queste è prevista una procedura semplificata per l’accesso alla garanzia.
  • L’importo del prestito non potrà superare il 25% del fatturato registrato nel 2019 o il doppio del costo del personale sostenuto dall’azienda.

 

Considerate comunque che:

 

o   Le banche procederanno ad una istruttoria, obbligate dalle normative bancarie europee, poiché comunque il 10% dovrà trovare copertura in garanzie personali

 

o   i modelli di istruttoria previsti da Sace ( emanazione di Cassa Depositi e Prestiti) e ABI sono formati da 23 pagine e pertanto sono ancora allo studio semplificazioni per snellire le procedure

 

o    Le Agenzia delle Banche hanno mediamente due terzi del personale che lavora da casa. Pertanto sarà loro impossibile rispondere velocemente

 

o   Le istruttoria non potranno, anche se iniziate, procedere fintanto che la Commissione Europea non dia l’avvallo al Decreto Legge

 

Allego diversi articoli in  merito alle singole questioni per coloro che avessero piacere di approfondire.

Info
Print

Amministrazioni Regionali